Un Gelato da Re

Solo ingredienti genuini e qualitativamente superiori, i migliori presenti sul mercato, e tanto, tantissimo amore per il vero gelato artigianale. Il rispetto per le più antiche tradizioni che si accompagna agli studi continui, alla voglia di innovare, sperimentare e creare nuove meraviglie. Ecco il segreto del successo di un gelato da re.  

Di Valeria Maffei

Che il gelato vada gustato prima che ammirato, che non sia tanto l’aspetto estetico a contare quanto l’altissima qualità del prodotto, è un assioma indiscutibile, alla base della filosofia di vita e di lavoro di Veruska, proprietaria della gelateria Dare di Roma. Ma è vero anche che basta uno sguardo fugace, una rapida occhiata, per rendersi conto che il gelato firmato Dare ha qualcosa in più da offrire, un non so che davvero speciale. Un aspetto che promette bene e che non viene tradito al momento dell’assaggio. È un gusto pieno e persistente, dalla consistenza straordinaria, ad esplodere al momento della degustazione; ad invadere il palato, ad estasiare i sensi, un sapore sincero, che ricorda quello delle cose buone di una volta.

Artigianalità allo stato puro, materie prime di altissima qualità, selezionate ad una ad una direttamente da Veruska, ed un rigore estremo, un attenzione quasi maniacale per ogni minimo dettaglio, sono gli ingredienti segreti, quelli che rendono il gelato di Dare un prodotto dalla qualità, dalla genuinità e dalla freschezza decisamente fuori dal comune. In una parola un gelato naturale, senza aromi, senza conservanti o grassi idrogenati, “mantecato” fresco ogni giorno presso il piccolo laboratorio. Un risultato eccellente è frutto di due anni di intenso lavoro, di studi, di prove e controprove, tutte quelle che sono state necessarie per dar vita a ricette che traducono in gelato tutta la creatività, la fantasia e l’amore di Veruska per questo dolcissimo mondo.

I PRIMI PASSI NEL MONDO DEL GELATO

Educatrice di comunità con alle spalle 12 anni di lavoro nel sociale, Veruska non ha mai smesso di credere che prima o poi la sua grande passione per la cucina, per la pasticceria e per i dolci in generale, sarebbe diventata qualcosa di più. Così, dopo aver frequentato diversi corsi tenuti dal Maestro Gelatiere Giacomo Schiavon, Veruska, in un ex negozio di borse nel signorile quartiere Trieste di Roma, ha dato vita, tre anni e mezzo orsono, alla gelateria daRe. Un locale, circa 20 metri quadri, più 15 di laboratorio ed altrettanti di magazzino, diverso rispetto alle altre gelaterie che popolano la Capitale. Caldo ed accogliente, sono i materiali naturali come il legno, la lavagna e la pietra viva, ad accogliere i clienti: soprattutto studenti e professionisti della zona, ma anche tanti romani disposti ad attraversare la città per degustare un gelato con la g maiuscola!

IL LOCALE

24 gusti di creme, 4 di frutta e 3 semifreddi nella stagione invernale, che diventano molti di più in estate – 30 creme, 10 sorbetti di frutta a cui si aggiungono i cremolati – vengono prodotti ogni giorno nel piccolo laboratorio composto da un tino di maturazione Carpigiani, un mantecatore e un pastorizzatore Cattabriga. A colpire  come qui tutto sia perfetto, come la pulizia e l’ordine, sia del laboratorio che del magazzino, siano assolutamente impeccabili. Altrettanto impeccabile, e decisamente gentile, lo staff di Dare: una persona alla vendita, due in primavera, e due in laboratorio costantemente affiancate da Veruska.

PROVARE, INNOVARE, SPERIMENTARE

Entrare nel piccolo locale di Via Bisagno è dare il via ad un tour del gusto che comincia con i sapori più tradizionali (che restano  i più venduti) come la crema, il cioccolato ed il pistacchio, e che continua con le creazioni più originali, dal sapore garantito, frutto dell’estro e della fantasia di Veruska, come il cremino che porta il suo nome, a base di finissimo mascarpone al miele d’arancio e pinoli pralinati o la crema alla cannella con pere candite allo zenzero. Imperdibili i semifreddi dedicati alle date più importanti della vita di Veruska, ma anche la vera cioccolata calda, le torte gelato, il tiramisu e gli scenografici bicchierini. Tutto, ma proprio tutto, qui è fatto a mano, dalle basi (sono assolutamente bandite quelle pronte) al pan di spagna. Anche i coni sono prodotti ogni giorno con materie prime di altissima qualità e le cialde artigianali sono arrotolate a mano, proprio come si faceva una volta. Una nota va, infine, anche al packaging personalizzato, molto curato e frutto anch’esso di un lungo studio.

Ed è proprio studio la parola magica. Ciò che permette ogni giorno di proporre un cambiamento. Nuovi gusti, nuove torte, nuove decorazioni. Ogni cosa è frutto di una costante ricerca, nasce dalla volontà di innovare e della voglia di offrire sempre qualcosa di più alla propria affezionata clientela . “Mi pace l’idea di poter ampliare la scelta dei prodotti di pasticceria, proprio per questo durante questi due anni ho partecipato a diversi corsi con pasticceri di fama internazionale del calibro del MOF Nicolas Boussin o del Campione del Mondo Davide Comaschi. Nel mio negozio non sai mai che cosa potrai assaggiare. Ogni settimana offro ai clienti la possibilità di provare nuovi gusti che nascono dall’amore per questa professione. D’altronde basta poco per ispirare la mia fantasia: una passeggiata al mercato, con i suoi odori ed i suoi strabilianti colori, oppure i viaggi o i corsi di aggiornamento che periodicamente frequento in tutta Italia. Molti spunti me li forniscono i clienti stessi che mi chiedono dei gusti nuovi che vorrebbero che io realizzassi per loro. Non mancano, poi, i nuovi progetti messi in cantiere per l’anno da poco cominciato: come quello, ideato per fare fronte al calo delle vendite nel periodo invernale, di dedicarsi alle colazioni ed alla somministrazione di caffè”.

UN GELATO AD ALTO TASSO DI BONTÀ

Il gelato firmato daRe è dunque frutto un procedimento laborioso, che richiede tanta fatica e molto impegno. Ma i risultati si vedono. L’attività è ancora in fase di start up e le più grandi soddisfazioni – a parte i premi, le segnalazioni sulle guide e siti di settore oltre ai molti servizi dei media –  arrivano dai clienti: “C’è chi mi ha detto che dopo aver assaggiato il mio gelato non riesce più ad apprezzare gli altri, e chi mi racconta di aver fatto molti chilometri, anche in tarda ora,  per degustare le mie creazioni. Ma le soddisfazioni più grandi vengono dai bambini. Molti genitori consapevoli della genuinità del mio gelato mi hanno scelta per il primo cono dei loro piccoli…questa da mamma è una grandissima gratificazione!”

Da noi, come da antica tradizione, c’è il banco a pozzetto che rimane tutt’ora il migliore conservatore per il gelato artigianale. La nostra panna fresca viene montata direttamente nel banco refrigerato davanti agli occhi dei clienti, proprio come si faceva un tempo. Il nostro gelato è preparato solo con latte e panna freschi di alta qualità prodotti in stalle selezionate, in quantità limitata, e provenienti delle campagne romane. La mia clientela è alla ricerca di un prodotto qualitativamente superiore. Persone di ogni età e nazionalità, ma tutte con un palato esigente e con gusti sopraffini. Gli aperigelato che ho ideato – a base di cremolati al mojito e tartine gelato e prosciutto – sono stati un gran successo, c’è tantissima gente che mi chiede di riproporli..a breve lo farò! La scelta dell’eccellenza si è rivelata vincente ed è l’unica che avrei potuto “sposare”: in tutto ciò che faccio ho sempre cercato di dare il massimo con il miglior risultato. Tutte le Gelaterie si definiscono artigianali ma troppo poche lo sono davvero

INGRDIENTI

1)Le uova che provengono esclusivamente da allevamenti a terra rigorosamente italiani; la nocciola Tonda Gentile Romana dei colli Cimini e Sabatini della provincia di Viterbo, il pistacchio 100% naturale maturato al caldo sole della California, i CRU di massa di cacao “ARRIBA”  monorigine dell’Equador e i cacao aromatici pregiati provenienti  dal Centro America. Ecco alcune delle selezionatissime materie prime utilizzate da Veruska per dar vita al suo gelato dal sapore intenso ed avvolgente. Per non parlare della Ricotta Romana DOP freschissima, che si ottiene da latte intero di pecore allevate su pascoli naturali esclusivamente della regione Lazio.

2)Protagonista del negozio di Via Bisagno, soprattutto nella stagione estiva, sua maestà la frutta! I sorbetti, infatti, vengono preparati  esclusivamente con  il 60/70% di frutta fresca nazionale; anche la frutta secca viene scrupolosamente selezionata e direttamente pralinata nel laboratorio del negozio. La bacche di vaniglia di Tahiti, dall’aroma caldo e delicato con una lieve nota fruttata, il miele di nettare di lavanda (di produzione limitata) proveniente da apicoltura delle campagne romane e la cannella del Madagascar dal sapore distintivo e dall’aroma dolce e delicato vengono invece impiegate per aromatizzare le pregiate miscele.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *